Questo articolo proviene da
www.infocity.it
il network del giornalismo e della comunicazione
Copyright tutti i diritti riservati

Ottenere collaborazioni retribuite in 3 passi leggendo gli annunci di lavoro

Sono decine gli annunci di lavoro che ogni mese Infocity diffonde attraverso le sue pagine. Ma come sfruttarli al meglio per arrivare subito ad una collaborazione? Trucchi, consigli, dritte per arrivare ad ottenere un compenso giornalistico

Sono decine gli annunci di lavoro che ogni mese Infocity diffonde attraverso le sue pagine. Ma come sfruttarli al meglio per arrivare subito ad una collaborazione?

E' abitudine di molti prendere il maggior numero di annunci possibili e inviare a tutti il proprio curriculum. Si tratta di una tattica a volte poco efficace.

Il primo passo da fare per ottenere collaborazioni è selezionare gli annunci: individuare quelli che potrebbero riguardarci personalmente. Se ad esempio ci occupiamo di spettacoli si avranno più chance nell'interagire con annunci del tipo "Rivista cerca collaboratori esperti di cinema" o "Società seleziona addetti stampa per attività di PR nel teatro" piuttosto che con annunci del tipo: "Portale cerca articolisti settore hi-tech".

C'è poi la questione del farsi prendere in considerazione. E' questa il secondo passo fondamentale da fare. Chi seleziona candidati si aspetta di ricevere centinaia di curriculum il più delle volte poco diversificati tra loro. Un invio indiscriminato del curriculum a molti potenziali datori di lavoro, quindi, potrebbe non portare a dei risultati.

Meglio allora "stupire" un eventuale interlocutore lavorativo con "gesti originali" come ad esempio una lettera (che accompagna il curriculum) che specifica le nostre motivazioni. Ma per farsi prendere veramente in considerazione occorre compiere un terzo passo.

E' quello del contatto fisico. Le redazioni o gli uffici che possono prendere in considerazione la nostra candidatura sono fatti di persone in carne ed ossa. Dall'altra parte del pc, quando le vostre missive saranno ricevute, ad aspettarle non ci saranno macchine, ma esseri umani.

E' fondamentale dunque cercare "dal vivo" chi dovrà essere il nostro "datore di collaborazioni". Questo passo dovrà essere fatto telefonicamente, oppure, se la cosa è possibile, recandoci direttamente per una visita concreta alla redazione o al caporedattore che potrebbe commissionarci un lavoro.

Il colloquio con queste persone (se si è in grado di farlo potremmo limitarci al telefono) sarà fondamentale: se riusciremo a convincere direttamente sulla bontà del nostro apporto il gioco potrebbe essere praticamente fatto.

Leggi anche:
- Trovare lavoro giornalistico su Internet: ecco come non farsi fregare
- Freelance in cerca di collaborazioni? Stringere un patto col capo

 

> Se vuoi leggere segnalazioni di lavoro retribuito clicca qui


> Iscriviti alla newsletter se vuoi ricevere notizie di questo tipo alla tua mail

 

(inserito il 19/03/2014)