Articolo

Menu

Sei nel settore: Addetti stampa e comunicatori


"Enocomunicazione", troppo dilettantismo in Italia |

di Remo Pāntano

Nel nostro Bel Paese il vino č un prodotto alla moda, troppi si fregiano del titolo di sommelier, si scrive di vino, si parla attraverso radio e tv di questo prodotto.

Si abusa di comunicazione eno-gastronomica, senza che gli addetti ai lavori abbiano alcun titolo, se non quello di aver frequentato danarosi corsi promulgati da ricche societā private che conferiscono il titolo di sommelier, senza alcun valore legale ne tanto meno professionale.

Giornalisti che scrivono sul loro biglietto da visita "sommelier", pseudo sommelier che si atteggiano a giornalisti del vino. E' giunta l'ora di darsi una regolata, in un comparto che produce affari d'oro. La vicina Svizzera, nel Cantone Ticino, ha istituito addirittura un esame di stato per potersi vantare del titolo di sommelier e quindi proporre, vendere, degustare e scrivere di vino.
Remo Pāntano

(inserito il 26/08/2005)

Potrebbero interessarti anche questi articoli

> articolo versione desktop

INFOCITY per lavorare nel giornalismo e nella comunicazione
INFOCITY Š Copyright - P. IVA 11358080155 - Tutti i diritti riservati